06 Gennaio 2020

“La fine delle cose è il fine per cui le cose vengono prodotte” – Umberto Galimberti

I paradossi della crescita nell’era capitalismo spiegati da Umberto Galimberti.

Le nuove forme di nichilismo che derivano da una produzione illimitata di cose, e che porta ad un consumo continuo, nel più breve tempo possibile: la teoria che spiega, l’annullarsi delle cose, nel rapporto ciclico tra la crescita, i produttori e i consumatori.

Ci spiega Umberto Galimberti, gli effetti del nichilismo sull’umanità soffermandosi sul ruolo di settori merceologici e della pubblicità, nella creazione del bisogno per promuovere un prodotto.
Capiamo, quindi, quanto la produzione delle merci è strettamente correlata alla creazione di bisogni.

Alcune considerazioni, sui mercati e il ruolo della Cina, nel divario esistente tra l’Occidente, sempre più proiettato verso il nichilismo e la parte del mondo che ha difficoltà.

Spiega, infine, a cosa va incontro una società che non è più libera, perchè assediata, sì dalla ricchezza, ma anche dal riversarsi di una parte del mondo che vive in estrema povertà.

Guarda il video integrale: https://www.youtube.com/watch?v=jRCrg…

==

Qui il mio nuovo libro Lavorability https://amzn.to/2qctBO2

==